Salvo grazie alle trasfusioni: dona i soldi del matrimonio all’Avis

Un uomo, la cui vita è stata salvata per merito delle trasfusioni, ha deciso di donare i soldi del suo matrimonio all’Avis (Associazione Volontari Italiani Sangue). È questo il bel gesto di solidarietà di Claudio De Nicola, che ora può convolare a giuste nozze con la moglie, Monia Bordignon. I neo sposi hanno un lungo passato come volontari donatori presso l’Avis di Villorba (Treviso). Dopo dieci anni di convivenza, nel giorno di San Valentino dell’anno scorso hanno vissuto un dramma che ha condizionato le loro scelte future. Claudio fu vittima di un incidente mentre stava tornando a casa dal lavoro. Un’auto pirata tagliò la strada al suo scooter e fuggì via senza soccorrerlo. Trasportato al Ca’ Foncello (ospedale di Treviso) all’uomo vennero diagnosticati i seguenti problemi: un braccio rotto e un’emorragia interna che gli fece perdere un rene e danneggiò una parte di intestino. De Nicola ha rischiato di morire. A salvare la vita all’uomo, oltre alla professionalità dei medici, contribuirono una notevole quantità di sacche di sangue e del plasma fresco. “Da donatore sono diventato un ricevente” ha affermato Claudio dopo esseri ristabilito. A oltre un anno di distanza, i due ora hanno deciso di sposarsi e donare i soldi provenienti dai regali del patrimonio all’Avis. Il 25 ottobre, presso il comune di Ponzano, avrà luogo la cerimonia. Peculiarità del loro matrimonio è che al posto delle classiche bomboniere, il regalo sarà una donazione alla sezione provinciale dei donatori di sangue a sostegno del progetto “Adotta un ricercatore” e di una ricerca sulle staminali per la cura dell’emofilia. 40 anni lui e 31 la moglie, dopo una vita passata a donare il sangue possono dirsi fortunati se la loro vita insieme è andata avanti proprio grazie alle trasfusioni. Un piccolo ma grande gesto simbolico e di solidarietà che fa riflettere sull’importanza della condivisione di beni (anche intangibili) nei confronti dei più bisognosi. Senza dubbio, i soldi per la loro cerimonia sono stati spesi bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.