MacBook, le webcam iSight non sono sicure: ecco il perché

Webcam iSight non sicure? Ecco perché. Secondo quanto emerso da una ricerca svolta presso la John Hopkins University, pare che sia possibile usare la webcam di un nostro amico, e questo senza che lui se ne renda conto. Tutto ha inizio quando, lo scorso mese,
Cassidy Wolf, nota come Miss Teen USA, ha ricevuto una mail con una serie di foto di lei nuda. Già, avete capito bene, si tratta di foto scattate mentre lei era nella sua stanza, pensando di essere lontana da occhi indiscreti. Purtroppo non era così. L’FBI così si mette alla ricerca del responsabile, nel tentativo di scoprire come questo sia stato possibile. Il responsabile delle foto intime della ragazza in realtà è un suo ex compagno di classe, Jared Abrahams di 19 anni. Adesso il giovane ha confessato di esser stato lui l’artefice di ciò che è accaduto e dovrà vedersela con la giustizia. Fatto sta che sembra che il mistero di come abbia fatto resti ignoto. Ma ciò che ha meravigliato principalmente le autorità che si sono occupate del caso è che Abrahams è riuscito a entrare abusivamente nel laptop della ragazza, e tra l’altro riuscendo a non farsi beccare. La ragazza, infatti, possedeva un MacBook. Questo gode di una sorta di sistema di sicurezza che permette alla webcam iSight di non registrare senza un LED che dia l’avviso al proprietario del Macbook. Dai risultati dello studio, invece, pare evidente che un hacker possa evitare l’accensione del Led, servendosi di un programma. Charlie Miller , un esperto di sicurezza per Twitter, ha riferito che anche altri tipi di laptop potrebbero essere violati allo stesso modo. “Serve molto lavoro ma anche delle risorse a disposizione, ciò dipende dalla protezione dell’hardware”, continua Miller. Da quando si è diffusa questa notizia c’è chi mette un nastro adesivo sopra la webcam, non sia mai che qualcuno possa fotografarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.