Natale Giunta, intimidazioni al ristorante mentre è in diretta a La prova del cuoco

Da anni seguiamo il percorso di Natale Giunta, non solo a La prova del cuoco, nel suo lavoro, ma anche nella sua lotta contro la mafia, le estorsioni. Giunta purtroppo è stato ancora una volta vittima di intimidazioni, è accaduto ieri mentre era in diretta con La prova del cuoco, mentre continuava a fare con la forza e la passione di sempre il suo lavoro. Anni fa ha denunciato, ha fatto tutto il possibile per difendersi e per aiutare anche gli altri imprenditori, ma non sempre ha ricevuto la giusta protezione. Lo chef Natale Giunta continua a essere vittima di intimidazioni ma continua ogni volta a rialzarsi. Si trovava a Roma, come riporta La Sicilia, mentre i malviventi agivano causando danni al suo locale di Palermo. Hanno usato spranghe e mattoni, hanno sfondato le vetrate del bellissimo Castello a mare. Era emozionato nel tornare a La prova del cuoco dopo il lockdown ma anche dopo avere fatto ancora una volta di tutto per il suo lavoro, senza sosta.

LO CHEF NATALE GIUNTA: “SEMBRAVA CHE TUTTO FOSSE FINITO”

Su La Sicilia si legge tutta la delusione dello chef siciliano; racconta di una calma apparente degli ultimi mesi, da tempo non era stato bersaglio di questi atti assurdi. Il passato è tornato, anche se ci auguriamo resti un caso isolato. Giunta parla però di una serenità che è pura utopia. E’ arrabbiato e ha ragione: “Uno Stato assente che abbandona gli imprenditori nel loro destino. Non c’è giustizia, sono amareggiato ed arrabbiato. Non si può lavorare con dignità ed avere un pò di pace in questa terra che non cambia mai”.

Dopo tre mesi era tornato a Roma per La prova del cuoco ma una telefonata ha rovinato tutto, un dipendente del suo ristorante gli ha raccontato che erano entrati distruggendo tutto. Il suo lavoro prosegue, il locale è aperto, lo chef Natale Giunta attende tutti al suo ristorante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.