Jerry Calà rivela le volte che Mara Venier l’ha riempito di botte (Foto)

Del legame tra Jerry Calà e Mara Venier che prosegue anche a distanza di tanti anni dalla fine del loro matrimonio ne abbiamo sentito parlare più volte dalla conduttrice (foto). Più volte li abbiamo anche visti insieme Jerry e Mara e l’attore è apparso sempre come un allegro traditore. Questa volta è Calà a dire la sua e ai microfoni di Rai Radio 2 durante il programma I Lunatici condotto da Andrea Di Ciancio e Roberto Arduini ha confidato che non è vero che Mara Venier lo beccò nel bagno con un’altra donna nel giorno del loro matrimonio. Calà nega tutto e aggiunge tutte le botte prese dalla conduttrice in quella e in altre occasioni. Dunque nessun tradimento il giorno delle nozze, quella era una festa tra amici e lui aveva bevuto un po’ ma nonostante stesse solo parlando con quella donna la Venier lo picchiò.  

JERRY CALA’ RACCONTA LE BOTTE PRESE DA MARA VENIER

“Non è vera quella storia, Mara è una burlona. Era una festa che avevamo fatto con gli amici, mi ha beccato che parlavo con una fitto fitto in bagno. Non che ci facevo cose – ha raccontato l’attore – Invoco la Var, la moviola in campo – ha aggiunto ironico – Sai quando hai un po’ bevuto, ti avvicini e ti metti a parlare con una. Lei mi ha beccato, ha frainteso e mi ha riempito di botte. Cosa che tra le altre cose non dice mai”.

La immaginiamo Mara Venier che alza le mani gelosa del suo uomo prima ancora di chiedere spiegazioni ma questa smentita da parte di Jerry Calà non ce l’aspettavamo. L’ex coppia si starà divertendo raccontando cose non vere o esagerando per far sorridere un po’ tutti? Intanto ironizza ancora ma allo stesso tempo difende le donne vittime di molestia dicendo che in certi casi ci vorrebbe davvero la Var per capire cosa è davvero accaduto. E su Asia Argento dice che a X Factor l’avrebbe tenuta perché molto brava.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.