Giletti attacca Barbara D’Urso: “Il caso Prati è fake news” e umilia la testata giornalistica Mediaset

Massimo Giletti da Non è l'Arena fa una lezione di giornalismo a tutti i suoi colleghi sul Pamela Prati Gate

Che fra Massimo Giletti e Barbara D’Urso si è iniziata a creare una cortina di fumo, questo era chiaro da alcune settimane. Ma mai nessuno si sarebbe aspettato che il conduttore di La7 approfittasse di una puntata del suo Non È L’Arena per lanciare accuse poco velate alla padrona di casa di Domenica Live e LIVE Non è la D’Urso ma anche alla sua tanto sbandierata copertura giornalista.

Motivo di cotanta agitazione è il caso Pamela PratiMark Caltagirone. Giletti ha ospitato nei suoi studi la Prati, raccontando davanti a lei tutti i dubbi e le controversie legate al “marito fantasma” più chiacchierato del gossip italiano. Durante il racconto dei vari “capitoli” di questo romanzo, per ben tre volte Massimo Giletti si è fermato a fare dei discorsi chiaramente indirizzati a Barbara D’Urso e il suo staff in quanto colpevoli di aver trasformato una fake news in un caso mediatico da lei spesso e volentieri attizzato per fare show (a quanto pare anche omettendo prove facili da raggiungere).

Massimo Giletti attacca Barbara D’Urso a Non è L’Arena

In prima battuta, Massimo Giletti ha accennato una vena polemica nei confronti delle “indagini” condotte da LIVE Non è la D’Urso, pur omettendo il nome del programma Mediaset: “Se questa faccenda fosse stata trattata in modo serio, perché chi si vanta di essere sotto testata giornalistica deve essere serio, avrebbe trovato una serie di documenti che avrebbero potuto aprire gli occhi a chi trattava questo argomento […] è un dovere di chi fa la nostra tv di avere una morale. La deontologia: si sa ancora cos’è? È possibile che questo sottobosco, questo vuoto assurgano programmi televisivi? Si possono perdere mesi e mesi di programmi televisivi quando bastavano poche ore! Una settimana per capire che qualcosa non tornava? Bastava cliccare e trovare dei documenti…”.

Un accenno, quello di Giletti, che poi viene rimarcato più tardi sottolineando che la tv non può prendere per buona le fake news del web: “Sui social non ci sono filtri… ma in televisione abbiamo il dovere di verificare le cose! Altrimenti, prendiamo per buono tutto! Se si indagava davvero, si scoprivano cose molto particolari di questo sistema Mark Caltagirone che era già stato uscito in passato. Un giornalista lo deve fare. La televisione ha dei mediatori. Se siamo testata giornalista abbiamo il dovere di verificare le cose. Non si è testata giornalistica per caso…”.

Nel corso della serata, Giletti ha provato a seguire tutti i passaggi della tormentata storia del matrimonio fra Mark Caltagirone e Pamela Prati coinvolgendo anche l’opinionista Nunzia De Girolamo. Nel corso di questo lungo spazio, Pamela Prati si è sempre dichiarata innocente, mai complice del duo Michelazzo – Perricciolo e addirittura plagiata dai messaggi del piccolo Sebastian Caltagirone che per lei era diventata una sorta di punto debole.

In conclusione, Massimo Giletti non ha mancato l’occasione per ribadire per la terza volta che il tentativo di certe trasmissioni tv di romanzare forzatamente la storia di Mark Caltagirone non fa onore al mezzo televisivo ma anche ai giornalisti che si sono prestati a raccontare parte della verità per fini televisivi. “Non è accettabile che una fake news facilmente individuabile diventi un romanzo per infinite puntate” – spiega il conduttore  -“ È inaccettabile da un punto di vista deontologico. Se non si pone un freno a questo tipo di tv, ne pagheremo le conseguenze. Non capiremo più cosa è vero. Tutto verrà preso per buono…”.

Arriverà una replica da parte di Barbara D’Urso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.