Ivan Cottini a Storie Italiane lascia tutti in lacrime: “Purtroppo la malattia sta andando avanti” (Foto)

Quando Ivan Cottini danza è sempre un’emozione unica e oggi a Storie Italiane ha ancora una volta commosso tutti ma ancora una volta dopo avere ripreso fiato sono state le sue parole a darci l’ennesima lezione di vita (foto). Ivan Cottini ha la sclerosi multipla, un calvario arrivato all’improvviso, a 27 anni. Dopo 8 anni purtroppo la malattia sta andando avanti, la conferma l’ha data lui spiegando però che la sua battaglia è riuscito a vincerla in un momento preciso della sua vita. “La malattia io l’ho vinta quando è nata mia figlia; in quel momento sono totalmente guarito”. Bastano già queste parole a farci imbarazzare perché troppo spesso ci lamentiamo di stupidaggini. Anocra di più c’è da abbassare la testa dinanzi a tanta forza quando Eleonora Daniele gli chiede cosa spera per il futuro, per il prossimo anno: “Spero che ancora per qualche mese riesco a ballare perché purtroppo la malattia sta andando avanti e credo non ne avrò per sempre”.

LA FORZA DI IVAN COTTINI

Un progetto però potrebbe averlo e chiede alla conduttrice di Storie Italiane di trovargli magari un posto come opinionista sul suo divanetto. Avrebbe di certo da dire molto di più lui che altri. La danza è la sua terapia ma a casa ci sono tante persone che hanno bisogno di un messaggio di speranza.

“La mattina quando ci svegliamo abbiamo la possibilità di scegliere come vivere, se svegliarci malati o svegliarci protagonisti e fregarsene di tutto e rimanere registi della nostra vita” ed è l’ennesima lezione di vita di Ivan. Tutto confermato dalla sua insegnante di danza: “Lui non pensa al mattino a tutte le terapie che deve fare ma mi manda un messaggio e mi dice ‘sai cosa mi è venuto in mente’ e pensa a tutto quello che potremmo fare”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.