Stefano Bettarini a Rivelo su Ilenia Iacono: “Voleva sposarmi per il permesso di soggiorno”

stefano bettarini a rivelo

Stefano Bettarini è stato ospite ieri, giovedì 16 gennaio 2020, da Lorella Boccia al programma Rivelo. E proprio qui l’ex calciatore ha potuto parlare del suo matrimonio saltato con la sua ex fidanzata Ilenia Iacono. Retroscena che sicuramente hanno colpito i telespettatori di Rivelo. Le nozze erano previste circa cinque anni fa ma perché il matrimonio con Ilenia è saltato? “Dovevamo sposarci in America perché io avevo il visto, il permesso di soggiorno per starci 3 anni. Essendo andato a vivere là, avevo richiesto il permesso di soggiorno come persona famosa in Italia” ha raccontato Stefano Bettarini. “Si voleva sposare per avere il mio permesso di soggiorno, non per amore” ha poi rivelato lo sportivo.

Stefano Bettarini ospite a Rivelo: dopo Simona Ventura e Ilenia felice con Nicoletta

Certo è che a Rivelo, Stefano Bettarini non ha solo parlato del capitolo matrimonio saltato con Ilenia Iacono. Tra le sue storie d’amore più note c’è pure quella con Simona Ventura, sicuramente la sua relazione più famosa per il pubblico.Al GF dissi che non riuscivo a superare la separazione, il divorzio, perché comunque per me è stato un lutto. Ho sofferto io, hanno sofferto i miei figli. Me la sono portata dietro per tanto tempo” ha spiegato Bettarini a Lorella Boccia. “Le mie dichiarazioni sui tradimenti reciproci durante il matrimonio con Simona Ventura? Lì hanno voluto cavalcare l’onda dicendo che i tradimenti erano stati durante il matrimonio. Ma in realtà, quando feci i nomi, erano tutte storie avvenute dopo la separazione ha poi voluto precisare l’ex della Ventura. Adesso Stefano Bettarini è di nuovo felice perché al suo fianco c’è Nicoletta Larini, la fidanzata con cui ha partecipato anche a Temptation Island Vip.

Rivelo, Stefano Bettarini e il racconto dell’aggressione al figlio Niccolò

A Rivelo, Stefano Bettarini ha parlato anche del giorno in cui Niccolò, figlio suo e di Simona Ventura, è stato aggredito. “Sono volato immediatamente a Milano, mentre andavo ho chiamato la mamma, che era a sua volta fuori, e mi ha un po’ tranquillizzato dicendo che aveva parlato con la ragazza e che non era in fin di vita” ha spiegato ai microfoni di Lorella Boccia. “Ho visto che aveva preso tredici coltellate però fortunatamente nessuna di queste aveva leso organi vitali” ha raccontato Bettarini ricordando un giorno molto difficile per lui, Niccolò e tutti i loro cari.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.