Giorgio Panariello e Marco Giallini: “Lui è peggio di me” è lo show in arrivo su Rai 3

A Domenica In oggi Giorgio Panariello e Marco Giallini, manca pochissimo all’inizio del loro show “Lui è peggio di me”. Un nuovo spettacolo della Rai ma lo vedremo in onda su Rai 3. Una coppia inedita ma che già piace: “Va in onda su Rai 3 perché questo programma è un esperimento, ed è anche il tentativo di cercare strade nuove, anche un programma nuovo e Rai 3 è il posto giusto, protetto. Rai 1 ha bisogno di cose che devono funzionare al primo colpo” spiega Panariello a Mara Venier che confida a Giallini: “Giorgio Panariello è un’anima bella, vera” e lui l’ha già capito, la loro amicizia è iniziata da poco ed è autentica. Due omaggi ai due ospiti di Domenica In che hanno una carriera diversa ma lunghissima per entrambi. Due miti che a loro volta hanno dei miti.

IL MITO DI GIORGIO PANARIELLO

“Il mio mito nella vita reale è Roberto Benigni” confida Panariello che racconta di sogni, di pregi e difetti: “Il sogno di fare un film che mi rappresenti in qualche modo che non sia né drammatico né comico. Trovare il film giusto per me, quello che mi possa valorizzare anche come attore. I tempi sono maturi e anche la frequentazione con Marco Giallini che potrebbe darmi lezione di recitazione… Il pregio credo di avere tanta pazienza nella vita e sul lavoro. Il difetto più grande secondo me l’affidarsi e troppo alla persone. Io mi fido e mi affido e alle volte mi lascio proprio andare. Davanti alle delusioni io non riesco a fingere di non essere deluso. Ieri c’è durante le registrazioni c’è stato un piccolo screzio e venivano nel mio camerino a dirmi di togliermi quella espressione dalla faccia che si vedeva subito e il pubblico non si merita questo”.

IL MITO DI MARCO GIALLINI

“Io ne ho tanti ma in assoluto è Vittorio Gassman. L’ho visto 2 volte una volta quando avevano restaurato il cinema Eliseo ed c’era L’ultimo tango a Parigi e lui stava con il più giovane dei figli, Jacopo, lo chiamò con la sua voce e mi fece saltare… Il mio sogno nel cassetto di suonare con i Pooh e di fare un film con Al Pacino. Il pregio è la bontà mal celata. Il difetto più grande non ho memoria per le cose da fare. Avrei bisogno di più badanti, non mi ricordo niente… Le delusioni mi fanno rimanere male ma non dimentico, difficile che mi riprendo ma dipende anche dalla delusione”. 

Appuntamento su Rai 3 l’11 febbraio alle 21:20 con Panariello e Giallini e Lui è peggio di me. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.