Little Tony ha combattuto per sette anni ma non ha mai rivelato la sua malattia

Little Tony quando si è ammalato non l’ha detto a nessuno, ha nascosto a tutti la sua malattia, anche agli amici più cari. A Domenica In sua figlia Cristiana racconta che è stato ammalato per sette anni, un periodo molto lungo ma aveva trovato una terapia che non era molto aggressiva, infatti non ha mai perso i capelli, stava male tre giorni e poi tornava a fare quello che faceva. E’ Cristiana Ciacci che racconta di suo padre, per tutti Little Tony. “Non l’ha voluto dire al tempo e nemmeno quando la situazione è precipitata perché lui ha sempre tenuto a farsi vedere dal suo pubblico al meglio, al massimo” e lei continua a non dire che malattia avesse il cantante, anche se parla di chemioterapia e si può intuire. “A volte rimandava anche la chemioterapia se aveva un passaggio televisivo proprio perché voleva apparire sempre al meglio per il suo pubblico”. Sua figlia pensa che il padre non abbia mai creduto fino in fondo che questa malattia potesse ucciderlo, pensava forse che potesse tenergli testa.

LA MALATTIA CHE HA PORTATO VIA LITTLE TONY

“Questa malattia gli ha permesso di vivere anni in un certo modo benino e io credo che magari lui ha pensato che potesse continuare ancora per tanto tempo e invece è insito nella malattia che più o meno intorno dopo il settimo anno che si è presentata tutto precipita e così è stato”.

L’ultima apparizione in tv di Little Tony è stata il 9 marzo da Carlo Conti: “Non stava non bene nel camerino e anche Conti ha raccontato che sul palco è stato il leone di sempre ma dopo cinque giorni è entrato in clinica e non è più uscito”. Ci sono le immagini da I migliori anni e Cristiana si commuove perché sa come stava suo padre. Sottolinea la sua forza: “Stava male tanto, aveva dei dolori…” la voce di Cristina Ciacci si rompe. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.