Le scuse di Willie Peyote ai colleghi di Sanremo e a tutti: “Perdonatemi”

Sono passati due giorni e Willie Peyote ha avuto il tempo di capire l’errore fatto, di fare le sue scuse ai colleghi di Sanremo 2021, agli altri cantanti che come lui erano sul palco. Willie Peyote su Instagram ammette le sue colpe, ammette di avere esagerato con le parole, ha usato le peggiori. Sembra sincero perché in tanti gli hanno fatto notare che ha usato il modo peggiore per commentare le esibizioni di Francesco Renga ed Ermal Meta; sono queste quelle che sui social hanno fatto il giro tra i fan e il pubblico che ha seguito il festival. Ha lasciato passare un po’ di tempo, voleva essere lucido e solo dopo si è reso conto che alcune frasi sono state davvero infelici. Si è lasciato sfuggire commenti che poteva risparmiarsi, anche se detti in un programma con amici comici in un tema goliardico. Non si giustifica ma contestualizza l’accaduto, sembra sincero perché chiude le sue stories dicendo “Perdonatemi” ma non è tutto.

WILLIE PEYOTE HA GIA’ PARLATO CON I DIRETTI INTERSSATI MA NON TUTTI

L’artista torinese ha commentato: “So di essermi lasciato sfuggire, tra l’altro con le parole peggiori possibili, determinati commenti che potevo risparmiarmi… Mi rendo conto che alcune frasi non sono proprio delle uscite felici. Quindi è giusto che quando dici una minch***a la gente te lo faccia notare”.

Non ha specificato con chi ha già chiarito, a chi ha chiesto scusa direttamente domenica mattina, subito dopo il via alle polemiche. “Ci tengo a specificare che, però, con i diretti interessati mi sono già fatto vivo domenica mattina, appena sono stati resi pubblici i video del programma su Twitch, con alcuni ho già chiarito, con altri spero di farlo nei prossimi giorni”.

Non sa se riuscirà a non dire altre cose del genere, libero di pensare ciò che vuole sugli altri ma l’errore resta sempre il modo di esprimersi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.