Roma, muore a 4 anni per morbillo: non era vaccinata

Una bambina di appena 4 anni è morta sabato scorso a Roma, al Policlinico Gemelli, dopo aver contratto una forma violenta di infezione scatenata dal morbillo. La bimba non era stata vaccinata il che ha portato all’apertura delle polemiche sui vaccini e anche ad un’inchiesta. I risultati dell’autopsia, affidata dalla Procura all’istituto di medicina legale del policlinico Tor Vergata , saranno disponibili tra due mesi e serviranno a far luce sulle dinamiche del decesso. Intanto l’Oms commenta questa tragica morte per ricordare che il morbillo resta una delle principali cause di morte fra i bambini e gli adolescenti. E il nostro Paese è ancora tra quelli in cui vengono effettuati meno vaccini e in cui vengono al contempo segnalati i più numerosi casi di morbillo.

EPIDEMIE DI MORBILLO PERICOLOSE IN ITALIA

Susanna Esposito, presidente della commissione OMS, ribadisce che ad oggi “non esiste una terapia specifica in grado di impedire tale evoluzione. Il rischio di morte per morbillo avviene in 1 caso ogni 10.000 e il rischio di complicanze, come l’encefalite, avviene in 1 caso ogni 1000. Le encefaliti, nei casi più gravi come quello di questa bambina, portano al decesso che può verificarsi a distanza di qualche mese o anche qualche anno dalla comparsa dei primi sintomi. Di conseguenza, la prevenzione con la vaccinazione è l’unica arma che abbiamo per evitare i decessi”.

La bambina è morta dopo mesi di malattia: frequenti gli attacchi di epilessia tanto che per un periodo è stata anche tenuta sotto osservazione al Bambino Gesù. I genitori hanno a loro volta sporto denuncia per capire se ci sono stati ritardi nella diagnosi o errori fatali nella gestione delle complicazioni. L’OMS-Regione Europa, in occasione del recente meeting a Copenhagen, ha invitato tutti ad implementare la vaccinazione contro il morbillo soprattutto a tutela delle fasce di età maggiormente a rischio di contagio e quindi in primo luogo i bambini.

VACCINI BAMBINI: PROTESTE DOPO I CASI DI MENINGITE

2 responses to “Roma, muore a 4 anni per morbillo: non era vaccinata

  1. BAMBINA MORTA A ROMA per…”morbillo”…..(encefalite) vedi articolo comparso sulla stampa:
    http://www.fimmgroma.org/images/stories/documenti/repubblica11mar15.pdf
    in realta’…:

    La bimba e’ stata rovinata dai vaccini, che ha purtroppo subito in precedenza (vedi, esavalente, con lesione occulta e latente che con i richiami successivi si e’ piano piano slatentizzata) ed i medici impreparati, che l’hanno avuta in cura, dopo la lesione vaccinale, (intossicazione vaccinale con relativa infiammazione dei tessuti) all’intestino e relativo sistema nervoso – con probabile microischemia nella microcircolazione nel sistema nervoso) e l’autopsia “pilotata”, NON ha ricercato le “cose” (sostanze vaccinali) da cercare, ne’ i luoghi ove andare a vedere.., i medici hanno purtroppo con la loro impreparazione a riconoscere i danni dei vaccini, permesso e portato alla sofferenza e quindi alla morte della piccola.

    A proposito, vedo che nell’articolo da me letto, il giornalista in evidente malafede, scrive che il bambino di Berlino (D) non era stato vaccinato, ma si vede che non e’ un giornalista serio, perche’ un vero giornalista prima di scrivere frasi senza senso, si INFORMA per bene.
    Quel bambino era stato vaccinato (lo ha confermato il medico di famiglia) anche e non solo per il morbillo (e vi e’il documento vaccinale) ed e’ proprio per questo fatto che si e’ scatenata la battaglia….sui vaccini !

    vedi qui la cronistoria : http://www.mednat.org/vaccini/morbillo.htm

    Siamo ancora in pieno medio evo nella sanita’ …..ed i giornalisti fanno su questo argomento, “vaccini”, fanno quasi sempre: DISINFORMAZIONE !
    Questi i subdoli meccanismi dei GRAVi danni dei Vaccini, da me scoperti da decenni:
    http://www.mednat.org/vaccini/dannivacc.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.