Le parole di Piera Maggio dopo le segnalazioni su Denise Pipitone: chiede cautela

Non poteva non commentare le ultime notizie arrivate sul caso. Piera Maggio anche questa volta ha scelto i social per spiegare quello che è il suo punto di vista. Le notizie in questi 17 anni sono state tante, e tantissime sono state anche le segnalazioni, come ha più volte ricordato anche l’avvocato Frazzitta. In questi ultimi due mesi però, le acque sono tornate a essere molto agitate ed è anche per questo che le notizie si fanno sempre più insistenti ( e molte non sono verificate). In questo caso però, quello che ha stupito sia Piera Maggio che il suo legale, è la scelta di raccontare in televisione, davanti a quasi 2 milioni di italiani, qualcosa su cui si sta ancora indagando. Le parole dell’ex Pm Angioni nello studio di Storie Italiane hanno stupito davvero tutti, ed è per questo che anche Frazzitta ha invitato tutti alla massima cautela. Va bene indagare, va bene parlarne ma alcune informazioni dovrebbero essere prima verificate.

Dello stesso avviso è la mamma di Denise Pipitone, Piera Maggio, che con un post sui social, spiega quello che è il suo punto di vista.

Il commento di Piera Maggio dopo le ultime notizie sul caso Denise Pipitone

 “La nostra parola d’ordine è CAUTELA e BUON SENSO. Non ci abbiamo ancora fatto l’abitudine sul nostro dolore, chissà perché…. detto questo, grazie“ ha scritto Piera Maggio sulla sua pagina social, taggando anche il papà di Denise, Piero Pulizzi.

Difficile capire quello che stia succedendo in queste ore: solo prudenza da parte della famiglia di Denise Pipitone che non vuole illudersi di fronte a questa segnalazione? Oppure si crede, come ha fatto capire anche Frazzitta con le sue dichiarazioni ieri, che questa pista non sia affatto credibile e che le segnalazioni ricevute dalla Angioni siano arrivate da una fonte che non è affidabile?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.