A Storie Italiane Paolo Conticini difende la giuria ma non infierisce su Raimondo Todaro (Foto)

Ieri a distanza è scoppiata la polemica tra Paolo Conticini e Raimondo Todaro e questa mattina a Storie Italiane il secondo arrivato a Ballando con le Stelle avrebbe potuto dire di tutto e invece non ha infierito ma non ha nemmeno giustificato il suo rivale in pista (Foto). “E’ stata una edizione fantastica, avrebbe potuto vincere anche Daniele Scardina e avrebbe meritato tantissimo ma il tesoretto ad Alessandra Mussolini ha sballato parecchio” Conticini passa poi alla coppia Elisa Isoardi – Raimondo Todaro: “Io credo che loro due sono stati una coppia meravigliosa ma penalizzati dal fatto che hanno ballato veramente poco e anche la giuria credo che sia stata molto in difficoltà perché io e Veera abbiamo fatto un percorso molto buono e buttare fuori noi sarebbe stato imbarazzante”. Paolo Conticini senza infierire ancora una volta affonda il colpo dicendo la verità ma senza aggiungere troppe parole. Anche Veera vuole aggiungere qualcosa, dispiaciuta dallo scambio sui social tra Raimondo Todaro e il suo ballerino: “A mio parare non volevano perdere un’altra coppia dopo Scardina”.

ALBERTO MATANO: “SAREBBE STATO PIU’ GIUSTO VEDERE ELISA ISOARDI E NON ALESSANDRA MUSSOLINI”

Conticini non aggiunge altro, continua a sorridere soddisfatto delle sue esibizioni, del suo secondo posto e dell’amicizia con Veera che è in collegamento con lui. Tocca agli altri dire il resto ma nessuno parla della delusione di Raimondo Todaro, del suo attacco a Conticini.

“La coppia Elisa e Raimondo ha fatto sognare tutti – dice Alberto Matano – hanno avuto tanti problemi e poi la grandissima intesa e il pubblico ha amato la favola. Quando hanno ballato l’hanno fatto bene. Sarebbe stato più giusto vedere Elisa e non Alessandra ed è chiaro che io non avrei assegnato il tesoretto ad Alessandra, non era lei che doveva arrivare a quel punto lì”. 

E’ Samuel Peron che chiude tutto: “Alla fine la vittoria è stata del programma”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.